Roma ore 11: Addio, ultima diva

Roma, 16 ottobre 1985

Oggi, alle 11, nella chiesa di Santa Maria in Montesanto, a Piazza del Popolo si svolgono i funerali di Francesca Bertini, la prima diva del cinema italiano. Della cerimonia si è presa carico la Fondazione Fiuggi per la cultura, la Bertini è morta infatti in assoluta povertà domenica sera a Roma.

Ai funerali della Bertini poca la gente di spettacolo

Il cinema italiano non ha quasi per nulla partecipato ai funerali di Francesca Bertini. La chiesa degli artisti in piazza del Popolo, dove monsignor Ennio Francia ha officiato ieri mattina la cerimonia funebre, era gremita, ma i volti noti erano pochissimi. C’era Bernardo Bertolucci, che è stato l’ultimo regista a dirigere la Bertini (in Novecento), e c’era Gianfranco Mingozzi che su di lei ha girato un lungo documentario dal titolo L’ultima diva. Anche il mondo politico e culturale non ha partecipato: soltanto Gian Paolo Cresci, amministratore delegato della Sacis, era presente alla cerimonia.
Gian Luigi Rondi, direttore della Mostra del cinema di Venezia, suo grande amico e ammiratore, è stato il primo a ricordarla.

Se n’è andata da sola, cinicamente dimenticata da tutto il mondo dello spettacolo l’ultima diva dello schermo, Francesca Bertini. Ai funerali dell’attrice, che si sono svolti ieri nella chiesa di Santa Maria in Montesanto, a Piazza del Popolo, mancavano proprio tutti, e soprattutto quelli che hanno fino all’ultimo esaltato il fascino, l’intelligenza e la tenacia della Bertini. Non c’era il ministro dello spettacolo, non c’erano le associazioni degli autori del cinema, gli storici che l’avevano conosciuta e adulata, i registi, gli attori giovani e i grandi protagonisti dello schermo, che nella sua immagine di diva per anni si sono specchiati, i rappresentanti della cineteca nazionale, che conserva gelosamente le oltre cento pellicole da lei interpretate (1).
Così quello che doveva essere l’ultimo addio alla diva scomparsa in dignitosa solitudine domenica scorsa a 93 anni, si è trasformato in un desolato pellegrinaggio di curiosi, ignari per la maggior parte di chi fosse commemorato all’interno della chiesa.
In fondo alla chiesa, nascosto tra incuriosite signore con la borsa della spesa, Bernardo Bertolucci, l’unico regista italiano presente ai funerali di Francesca Bertini. Bertolucci, che l’aveva voluta in Novecento, ha rivolto frecciate velenose al mondo del cinema italiano: « L’ultimo saluto a un’attrice come Francesca Bertini non poteva e non doveva essere così. Le tante, troppe assenze dimostrano lo smembramento, il cinismo e la mancanza di memoria dell’Italia dello spettacolo ».
Intorno al feretro di Francesca Bertini il figlio ginevrino Jean Cartier, avuto dal conte Paul nel 1921 (2), qualche vecchio amico e poche corone di fiori. Gian Luigi Rondi e Costanzo Costantini hanno dedicato all’ultima diva parole affettuose prima della Messa. « Nonostante si fosse ritirata da tanti anni dalla scena, Francesca Bertini ha continuato a tenere alto il suo mito. — ha detto Rondi — Non si è nascosta, e a testa alta e con la tenacia di sempre ha dato fino alla fine una bellissima testimonianza di quello che per lei e per tanti altri è stato il cinema ». L’ha poi ricordata Costanzo Costantini, suo appassionato biografo, spiegando come ne rimase subito affascinato per la sua inattesa bellezza, per la sua vitalità e per il suo entusiasmo per la vita.
Costantini ha anche raccontato come questa ammirazione sia rimasta immutata durante i frequenti incontri che era solito avere con lei nella hall del Grand Hotel, all’ora del tè, per riscrivere insieme, ripercorrendo tutta la storia del cinema, la sua biografia. « Aveva capito che la gloria del cinema è effimera — ha detto Costantini — e si era ancorata al mito ».

(dalla stampa dell’epoca – archivio del curatore)

(1) Magari! Siamo, ancora oggi, intorno ai 10 film.
(2) Jean Bénédict Cartier era nato a Firenze nel 1924.

Mostra tutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.